RSE
A A
Login
nome di accesso
password
login
GSE
ITA english
03/10/2019
stampa pdf print invia mail

HORIZON 2020 Ai blocchi di partenza FLEXPLAN, PLATONE e INTERCONNECT

HORIZON 2020 Ai blocchi di partenza FLEXPLAN, PLATONE e INTERCONNECT

Dopo la pausa estiva, per RSE hanno preso il via alcuni nuovi progetti del programma di finanziamento della Commissione europea. Tra i temi indagati, il ruolo crescente degli utenti come soggetti attivi al centro della rete, la selezione delle tecnologie più efficaci che potrebbero contribuire alla flessibilità del sistema, la rapida transizione verso il digitale, sempre più incentrato sull'utente e guidato dal mercato

Tra settembre e ottobre 2019 prendono il via ufficialmente ben tre nuovi progetti europei finanziati nell’ambito di Horizon 2020, FLEXPLAN, PLATONE e INTERCONNECT, che nei prossimi anni porteranno al nostro ente di ricerca un contributo totale pari a quasi 1,5 milioni di euro.

PLATONE - PLATform for Operation of distribution Networks

Per gestire la transizione energetica, i distributori di energia elettrica (DSO) richiedono strumenti innovativi. Fonti aleatorie di energia rinnovabile, in combinazione con consumi meno prevedibili, richiedono livelli più elevati di osservabilità e sfruttamento della flessibilità. Mentre queste due sfide sono tradizionalmente gestite in modo separato, PlatOne propone un approccio innovativo alla gestione congiunta dei dati per entrambe.

Rispettando il quadro normativo esistente, un insieme stratificato di  piattaforme consentirà di soddisfare le esigenze degli operatori di sistema, degli aggregatori e degli utenti finali. Una piattaforma basata su blockchain è il livello di accesso alla flessibilità dei generatori e degli utilizzatori, in grado di rompere le barriere di accesso tradizionali fornendo misure certificate a tutti i player. Congiuntamente, dati e segnali certificati verranno utilizzati per un'innovativa piattaforma DSO per mantenere localmente l'integrità del sistema promuovendo la fiducia nella flessibilità delle operazioni.

Un livello superiore implementerà un nuovo concetto di piattaforma di mercato aperto, basata su blockchain, per collegare il sistema locale ai domini degli operatori delle reti di trasmissione (TSO), e migliorare l'efficienza complessiva dei costi del sistema. Poiché flessibilità significa coinvolgimento dei clienti, PlatOne pone gli utenti al centro della rete, indaga le loro esigenze e aspettative e utilizza la blockchain sottostante per sbloccare i potenziali di una risposta maggiormente dinamica. Le piattaforme saranno testate su 3 dimostratori di grande taglia in Europa, e analizzate in collaborazione con una grande iniziativa di ricerca in Canada.

FLEXPLAN - Advanced methodology and tools taking advantage of storage and FLEXibility in transmission and distribution grid PLANning

L'attuale tasso di sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili non programmabili [FER] rende lo sviluppo delle reti di trasmissione  sempre più complesso e incerto. Perché gli investimenti di rete sono ad alta intensità di capitale, e le infrastruttura durano diversi decenni, talvolta quando viene commissionata una nuova linea essa non è già più l'opzione migliore. C'è un dibattito in corso sulla selezione delle tecnologie più efficaci che potrebbero contribuire alla flessibilità del sistema: ciò non include solo le tecnologie di rete, ma anche elementi di stoccaggio e di flessibilità della domanda, entrambi a livello di trasmissione o garantiti da fonti di energia distribuita, opportunamente aggregate, collegate alle reti di distribuzione.

FlexPlan mira a creare un nuovo strumento per ottimizzare la pianificazione della rete di trasmissione e distribuzione, tenendo conto del posizionamento degli elementi di flessibilità in alternativa alla tradizionale pianificazione della rete. Questo approccio mira a contribuire a ridurre i costi complessivi del sistema elettrico, come ad esempio le infrastrutture di distribuzione e i costi operativi, questi ultimi sia in termini di approvvigionamento di energia che di servizi di sistema.

FlexPlan terrà conto dell'impatto ambientale e dell'impronta ambientale [impatto sulla qualità dell'aria per la generazione termica, impronta di carbonio, impatto paesaggistico delle nuove linee T&D].

Viene inoltre creato uno strumento di pre-elaborazione per determinare la posizione, le dimensioni e i costi associati per i “candidati” di stoccaggio e domanda flessibile. Il nuovo strumento di pianificazione verrà prima validato e quindi utilizzato per analizzare sei scenari regionali dettagliati al 2030-2040-2050 al fine di valutare il potenziale ruolo di stoccaggio e risorse flessibili.

Gli scenari paneuropei saranno preliminarmente elaborati al fine di fornire condizioni di frontiera per i casi regionali. Si trarranno conclusioni normative per analizzare se le autorità di regolamentazione possano promuovere opportune procedure di incentivazione qualora si dimostrino vantaggi consistenti.

INTERCONNECT - Interoperable Solutions Connecting Smart Homes, Buildings and Grids

Il progetto prevede di contribuire alla democratizzazione di una gestione efficiente dell'energia, attraverso un ecosistema flessibile e interoperabile, dove la flessibilità dal lato della domanda può essere solidamente integrata con vantaggi effettivi per gli utenti finali.

In effetti, negli ultimi anni diversi progetti e fornitori di tecnologia hanno messo a punto soluzioni che consentono a tutti gli utenti di energia di avere consapevolezza e controllo sui suoi apparecchi, ma c'è sempre stato un grosso problema con l'interoperabilità. Gli utenti finali dovrebbero essere in grado di scegliere e cambiare i loro fornitori di tecnologia, senza dover sostituire la loro installazione, ogni volta che sentono questo bisogno, e poter continuare ad adottare comportamenti sostenibili e beneficiare dei progressi tecnologici.

Il progetto prevede di contribuire alla democratizzazione di una gestione efficiente dell'energia, attraverso un ecosistema flessibile e interoperabile, dove la flessibilità dal lato della domanda può essere

Nel settore energetico è in corso una rapida transizione verso il digitale, sempre più incentrato sull'utente e guidato dal mercato. La dimensione del sistema notevole, poiché il numero di fornitori di servizi energetici sta aumentando grazie a una situazione normativa favorevole e ai progressi tecnologici nei sistemi di monitoraggio e controllo. Per questo motivo il progetto integra partner rilevanti di tutte gli stakeholders di questo nuovo paradigma energetico. Sono state incluse competenze specifiche in TIC, IoT, energia, data science, software, e incluse istituzioni di ricerca e sviluppo, produttori, DSO, rivenditori, fornitori IT e utenti di energia. Per garantire un impatto maggiore in tutta Europa, diversi aspetti rilevanti sono anche coinvolte associazioni legate alle ICT e all'energia.

Per raggiungere una dimensione significativa, sono previsti 7 demo su larga scala, in diversi Paesi e con diversi utenti finali per garantire rappresentatività e dimensione in termini di numero di apparecchi e servizi: l’obiettivo è dimostrare un reale ambiente di mercato digitale legato ai sistemi elettrici con quantità significative di demand side flexibility (DSF), riducendo i costi operativi e di investimento che andranno a beneficio degli utenti finali dell'energia, e aiuteranno l'UE a raggiungere i suoi obiettivi di efficienza energetica.


torna su

Link correlati

Temi