RSE
A A
Login
nome di accesso
password
login
GSE
ITA english
14/12/2020
stampa pdf print invia mail

Scenari energetici : l’Italia, con l’Europa, alla sfida della decarbonizzazione

Scenari energetici : l’Italia, con l’Europa, alla sfida della decarbonizzazione

La Web Conference, organizzata da RSE il 10 dicembre 2020 in memoria di Massimo Gallanti (1955-2019) è stata seguita in collegamento da circa 200 persone, che hanno interloquito tramite domande scritte, mentre sono intervenuti in diretta rappresentanti di TERNA, SNAM e Confindustria.

Dopo l’introduzione di Romano Ambrogi e Maurizio Delfanti, Sara Romano (Direttore Generale al Ministero dello sviluppo economico) ha introdotto il tema della web conference, richiamando la figura umana e professionale di Massimo Gallanti e il suo impulso agli studi sugli scenari energetici, oggi utilizzati come atto fondante per la definizione e l’attuazione della politica energetica del Governo.

La presentazione di Maria Gaeta ha sintetizzato le linee principali dello scenario energetico nazionale al 2050, in aderenza agli obiettivi di completa decarbonizzazione perseguiti dall’Unione Europea. Nei limiti e con le procedure vigenti nella comunità  scientifica, le analisi di RSE - condotte con i modelli di ottimizzazione e i dati prospettici del fabbisogno energetico e delle tecnologie di produzione e utilizzo - hanno permesso di delineare un quadro che, come ha detto Maria Gaeta, serve a suscitare ulteriori domande sulle azioni necessarie per predisporre la transizione energetica.

Alberto Gelmini ha poi affrontato il tema delle conseguenze dello scenario in termini di adeguamento del sistema elettrico nazionale, sia in termini strutturali, sia per quanto riguarda la sua gestione. Il vettore elettrico sarà centrale nello scenario di decarbonizzazione, anche in accoppiamento con altri settori chiave dell’energia e, come già si è cominciato a sperimentare, le infrastrutture e la gestione del sistema necessitano di una profonda trasformazione.

I rappresentanti dei gestori delle reti nazionali di trasporto di elettricità (Francesco Del Pizzo) e gas (Camilla Palladino) hanno commentato il lavoro di RSE, mettendo in luce l’utilità del dialogo e del confronto basato sui migliori dati scientifici e su presupposti condivisi. A loro ha fatto eco Massimo Beccarello, vicedirettore delle Politiche Industriali di Confindustria, ricordando il ruolo di Massimo Gallanti nell’introduzione del mercato elettrico in Italia e nelle ricadute industriali delle politiche di efficienza energetica e di promozione delle fonti rinnovabili.

La chiusura, affidata al Presidente di ARERA, Stefano Besseghini, ha tratteggiato la “fase ascedente” della creazione di scenari, basati su solide informazioni e sulla credibilità dell’analisi che guarda alla realtà in modo critico, senza peraltro temere la possibilità che intervenga il breakthrough tecnologico. “La capacità di interpretare l’evoluzione tecnologica è un punto di forza di RSE”, ha affermato. Il Presidente ha proseguito citando anche la “fase discendente”, quella cioè durante la quale, come nell’occasione del webinar, vengono restituiti i risultati dell’analisi di scenario, per animare una discussione basata sull’ascolto e la condivisione. Gli scenari infatti “non sostituiscono la fase decisionale, ma permettono di portare a sintesi l’incertezza del presente, gli errori del passato e gli ideali del futuro”; per questo, ha detto, l’appuntamento annuale per un convegno sugli scenari proposto da RSE è un’ottima iniziativa. E rispecchia in pieno le motivazioni che portarono, con scelta illuminata, a fondare l’istituto della Ricerca di Sistema.
 
Notizia evento 

Download:

 

 

  • La registrazione del webinar

torna su

Scenari energetici RSE: come la decarbonizzazione cambia l’Italia

Askanews, 19 dicembre 2020

Visualizza l'articolo