Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Presentazione

Demolizione parziale della diga di Beauregard

pubblicazioni - Presentazione

Demolizione parziale della diga di Beauregard

Il lavoro presenta il caso della diga di Beauregard soggetta a una parziale demolizione (riduzione dell’altezza della diga di 50m) mediante esplosivi per garantirne la gestione in sicurezza nei prossimi decenni.

La diga di Beauregard è una struttura in calcestruzzo ad arco-gravità alta 132m costruita negli anni ”50 sulla Dora di Valgrisenche (Italia). Il volume di progetto del serbatoio era di circa 70Mm3. Le indagini geologiche e geotecniche condotte dalla costruzione della diga e approfondite nel corso degli ultimi decenni hanno mostrato che è in atto una deformazione gravitativa profonda del versante sinistro (DGPV).

Fin dai primi invasi del serbatoio, è emerso che l”interazione tra la DGPV e la diga aveva risvolti rilevanti sulla sicurezza strutturale della diga. Per questo motivo, nel 1969 le Autorità italiane avevano prescritto una limitazione del livello di invaso con una corrispondente riduzione del volume a 6.8Mm3, circa 1/10 del volume iniziale. Le indagini, che includono un”analisi dettagliata e una completa interpretazione dei dati di monitoraggio su un arco temporale di oltre 50 anni, hanno permesso di acquisire conoscenze nella comprensione del comportamento della DGPV e della sua interazione con la diga.

La soluzione implementata per garantire il funzionamento in sicurezza a lungo termine della diga ha previsto la demolizione della parte superiore della struttura mediante l’uso di esplosivo. I lavori sono stati completati alla fine del 2015 e la diga è in funzione.

Progetti

Commenti