Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Presentazione

Geotermia, Bassa Entalpia, Geoscambio: bilancio attuale e prospettive dagli obiettivi raggiunti alle potenzialità per il futuro

pubblicazioni - Presentazione

Geotermia, Bassa Entalpia, Geoscambio: bilancio attuale e prospettive dagli obiettivi raggiunti alle potenzialità per il futuro

Geofluid2021 è la mostra Internazionale delle tecnologie e attrezzature per la ricerca, estrazione e trasporto dei fluidi sotterranei, ed è un appuntamento fondamentale per tutti gli operatori del settore, dalla ricerca all’industria. In questo contesto, in una sessione tecnica di convegni organizzata dal Consiglio Nazionale dei Geologi dedicata alla geotermia a bassa entalpia, RSE è stata invitata come speaker a presentare le attività di ricerca e i risultati conseguiti.

La presentazione è stata effettuata nell’ambito della sessione dedicata alle applicazioni geotermiche a bassa entalpia. RSE ha presentato i stuti e le sue applicazioni riguardanti l’intera filiera geotermica, dall’alta entalpia, alla media e bassa entalpia.
Per l’alta entalpia e media entalpia, sono stati riportati i risultati della zonazione geotermica del territorio italiano, sviluppata su commissione del Ministero dello Sviluppo Economico a seguito di esigenze governative. Per le applicazioni geotermiche a bassa entalpia, invece, vengono riportati:
– i risultati di studi di fattibilità geologica e tecnica di applicazioni geotermiche a circuito chiuso, come l’esempi di Pietralata, nell’area di Roma Capitale. Lo studio è stato sviluppato a supporto dell’amministrazione Capitolina che intendeva partecipare ad una call europea Smart Cities and Communities per la creazione di distretti energetici Smart.
– I risultati della zonazione geotermica a bassa entalpia per 4 aree italiane: Area Calabria, Ara Nocera, Area Solofra, Isola Bergamasca;
– I risultati dello studio elaborato nell’ambito del PAESC di Roma Capitale, documento previsto dal Patto Dei Sindaci, il più grande movimento alla scala mondiale per le città che mettono in atto azioni per l’energia sostenibile e il clima. Il lavoro rappresenta un caso virtuoso di piano energetico e di efficientamento di città metropolitane che hanno anche una forte complessità territoriale, sia geologica che archeologica.
“Ringraziamento”
Questo lavoro è stato finanziato dal Fondo di Ricerca per il Sistema Elettrico nell’ambito dell’Accordo di Programma tra RSE S.p.A. ed il Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l’efficienza energetica, il nucleare – in ottemperanza del DM, 16 aprile 2018”;

Progetti

Commenti