Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Poster

Il modello FLORA-2D per la simulazione delle inondazioni in aree ricoperte da vegetazione rigida e flessibile

pubblicazioni - Poster

Il modello FLORA-2D per la simulazione delle inondazioni in aree ricoperte da vegetazione rigida e flessibile

E’ stato sviluppato un nuovo modello idraulico bidimensionale in grado di considerare la resistenza al moto dovuta alla vegetazione in funzione sia dello spazio che del tempo. Le prime applicazioni del FLORA-2D hanno riguardato la costa jonica della Basilicata, dove la caratterizzazione della copertura vegetale è stata realizzata a partire dalle informazioni desunte da rilevi laser-scan ed aerofotogrammetria digitale. I risultati del modello sono stati confrontati con le immagini satellitari COSMO-SkyMed risultando in sostanziale accordo.

Si presenta un modello idraulico bidimensionale per la stima del pericolo di inondazione. Questo modello, chiamato FLORA-2D (FLOod and Roughness Analysis), nato dalla collaborazione tra la Scuola di Ingegneria dell’Università degli Studi della Basilicata e la società RSE (Ricerca sul Sistema Energetico), risolve le equazioni delle acque basse trascurando i termini convettivi: questa assunzione semplifica e velocizza la soluzione numerica senza tuttavia perdere in accuratezza, specie nel caso di simulazioni idrauliche in aree pianeggianti.

La particolarità del modello è la capacità di considerare le perdite di carico dovute alla presenza di vegetazione in funzione non solo dello spazio, ma anche del tempo. Perciò, nel tempo, in ogni cella di calcolo viene calcolata la resistenza offerta dalla vegetazione considerando le caratteristiche della corrente che può cambiare nel tempo come le caratteristiche delle piante.

Il modello è stato testato in studi di eventi di piena del fiume Bradano dove le caratteristiche della vegetazione sono state desunte da rilevi laser-scan ed aerofotogrammetria digitale. L’estensione dell’area inondabile calcolata è stata confrontata con le immagini satellitari COSMO-SkyMed. I risultati ottenuti dal modello sono in sostanziale accordo con le immagini COSMO-SkyMed.

Progetti

Commenti