Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Presentazione

Strumenti di supporto p WebGIS per la gestione integrata delle aree marine e costiere e per la pianificazione delle attività in mare

pubblicazioni - Presentazione

Strumenti di supporto p WebGIS per la gestione integrata delle aree marine e costiere e per la pianificazione delle attività in mare

Nel lavoro presentiamo il prodotto realizzato nell’attività rds 2010 nell’ambito del progettorinnovabili/eolico offshore, ovvero il GIS contennente tematismi di risorse energetiche, altri usi del mare e criticità ambientali, di supporto alla pianificazione integrata e sostenibile delle aree marine e costiere. Nell’attività 2011 ci siamo ripromessi (PAR 2011 attività 1422/21) di confrontarci in ambito internazionale e portare a divulgazione soprattutto in ambito nazionale il prodotto citato, originale per struttura e argomento.

RSE è da anni coinvolta in studi relativi allo sfruttamento delle risorse energetiche marine, sia da un punto di vista tecnico, che di valutazione ambientale e sociale delle aree oggetto di potenziale interesse . Dal 2002 RSE ha sviluppato l’Atlante Eolico d’Italia (onshore e offshore: griglia con risoluzione 1 km), disponibile all’indirizzo http://atlanteeolico.rse-web.it/viewer.htm. Parallelamente si sono articolati studi per la verifica dell’interazione dell’eolico con l’ambiente e metodologie per il miglioramento del suo inserimento nel territorio. RSE ha iniziato nel il 2010, una modellazione attività di supporto alla gestione integrata delle aree costiere, basata su dati misurati di altre risorse energetiche marine (es.: correnti, onde). L’obiettivo del progetto è lo sviluppo di uno strumento di mappatura delle risorse in un ambiente WebGIS, congiuntamente all’individuazione di elementi di sensibilità del territorio. I risultati presentati in questo lavoro sono relativi all’abbinamento dell’atlante risorsa con temi che possono aiutare le autorità a compiere scelte appropriate in sfruttamento fonte marina, attraverso un approccio di pianificazione dello spazio marino, considerando anche le norme di Gestione Integrata delle Zone Costiere e Marine. La procedura autorizzativa italiana per la risorsa energetica marina (es.: eolica) è ben diverso da quanto previsto per la terraferma. Lo strumento attuale completa l’analisi tecniche conseguite dall’Italian Offshore Wind Potential Evaluation GIS, anch’esso sviluppato in RSE. Il prodotto di cui si dispone oggi è un webGIS di risorse naturali e marine e costiere, degli usi antropici del territorio, rendendo disponibili mappe interattive per la visualizzazione delle informazioni georeferenziate, in modo fruibile ed intuitivo, su tutto l’area marina nazionale, su questi temi principali:
•indicatori geografici (confini nazionali e amministrativi, la distanza dalla linea di costa -3, 5, 20 e 40 km sul mare, a 3 km su terra; confine ZEE)
•rete elettrica (rete sulla terra e cavi sottomarini)
•vocazione commerciale e turistica del territorio (numero posti di ormeggio, attività portuale per passeggeri e merci, ricettività turistica)
•l’utilizzo del territorio costiero (rilevanza dell’agricoltura e culture di valore)
•Aree urbane (residenziali, industriali, commerciali, porti, aeroporti)
•Aree protette (zone speciali di conservazione, Important Bird Areas, aree Ramsar)
•Aree marine protette (Santuario dei Cetacei, marine zone speciali di conservazione)
•Altri elementi ambientali e fisici marini rilevanti (fondali, pascoli di posidonia)
•Altri usi marini antropici (rotte turistiche e commerciali, aree ad uso limitato, piattaforme offshore, cavi sottomarini, reti di comunicazione, etc). Il lavoro è tutt’ora in corso e prevede l’inserimento di ulteriori indicatori che possono completare un quadro esaustivo per il supporto decisionale nella gestione delle risorse marine. Altri indicatori di sensibilità ambientale marina sarebbero necessari, ma la loro disponibilità è di gran lunga insoddisfacente, perché non sono ampiamente monitorati. Ciononostante lo strumento in via di sviluppo può essere considerato un ausilio utile alla pianificazione dello spazio marino. Questo lavoro è stato finanziato dal Fondo di Ricerca per il Sistema Elettrico nell’ambito dell’Accordo di Programma tra RSE ed il Ministero dello Sviluppo Economico – D.G. Nucleare, Energie rinnovabili ed efficienza energetica – stipulato in data 29 luglio 2009 in ottemperanza del DM, 19 marzo 2009.

Progetti

Commenti