Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Presentazione

The Italian approach on Wet-Snow: forecasting, monitoring and mitigation solutions

pubblicazioni - Presentazione

The Italian approach on Wet-Snow: forecasting, monitoring and mitigation solutions

La presentazione fa il punto sulle ricerche svolte in Italia per studiare l’interazione tra le nevicate umide e la rete di trasporto e distribuzione dell’energia, affrontando aspetti di previsione, monitoraggio e mitigazione degli effetti sulla linee.

L’Italia è caratterizzata da un calo complessivo delle nevicate, che tuttavia negli ultimi anni hanno assunto caratteristiche umide, portando alla formazione di pesanti manicotti di neve sui conduttori aerei, e rappresentando di fatto la più importante causa di guasto sulla rete elettrica italiana. RSE ha sviluppato il sistema di previsione WOLF (Wet-snow Overload aLert and Forecast) che consente agli Operatori elettrici  di disporre di una previsione giornaliera del carico di manicotto di neve sull’intera rete elettrica e una stima delle correnti necessarie a prevenire il deposito di neve. In parallelo è stata avviata un’attività sperimentale con la realizzazione della stazione WILD (Wet-snow Ice Laboratory Detection) per lo studio e il monitoraggio della crescita dei manicotti sui conduttori. La stazione ha consentito il “tuning“ dei parametri del modello di accrescimento e la messa a punto di un modello termico di anti-icing preventivo basato sull’effetto Joule prodotto dalla corrente in transito nel conduttore. Inoltre presso la stazione sono in corso una serie di test tra conduttori rivestiti con differenti materiali ice-fobici, i cui risultati  sono di interesse per Terna. Attualmente è in corso una sperimentazione operativa con TERNA in Veneto, su una linea a 132kV sulla quale sono state installate tre campate trattate con rivestimenti ice-fobici e una quarta funge da riferimento. La prestazione dei coating viene valutata qualitativamente con l’analisi delle immagini riprese da due telecamere. I dispositivi anti-rotazionali rappresentano invece un sistema di mitigazione meccanica alla formazione dei manicotti, e che Terna sta sperimentando su linee critiche con buoni risultati.

Progetti

Commenti