Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Articolo

Integrare le reti per decarbonizzare l’energia

pubblicazioni - Articolo

Integrare le reti per decarbonizzare l’energia

L’articolo illustra la “Vision 2050” sviluppata da ETIP SNET con il significativo contributo di RSE. Si descrive un sistema energetico che si sviluppa attorno alla rete elettrica capace di sfruttare la flessibilità offerta dall’integrazione con altri vettori energetici quali il gas, l’acqua, il calore (ed il raffrescamento) e l’idrogeno.

Il contenimento delle emissioni di gas cliamalteranti è diventato un’urgenza planetaria che neppure i più scettici osano contestare. La decarbonizzazione completa del sistema energetico entro la metà del secolo XXI costituisce l’unica via verso la sostenibilità a lungo termine al fine di contenere il riscaldamento del pianeta al disotto dei 2 gradi e limitare così i devastanti cambiamenti climatici che potrebbero insorgere qualora questa soglia venisse superata.

L’Unione Europea dell’energia ha mobilitato le sue forze migliori per tracciare il percorso verso la decarbonizzazione, individuando nell’integrazione dei vettori e delle reti energetiche una delle principali chiavi per consentire questa radicale trasformazione. Il sistema elettrico rimarrà a lungo spina dorsale del sistema energetico decarbonizzato, potendo contare sull’apporto di flessibilità offerto dagli altri vettori quali il gas, l’acqua, il calore (ed il raffrescamento), l’idrogeno, che, ognuno per la sua parte e con le sue caratteristiche potrà contribuire alla stabilità e sostenibilità del sistema. L’articolo illustra i principali tratti della Vision 2050 delineata dalla piattaforma europea sulle reti (ETIP SNET), che si basa sui quattro pilastri di circolarità, integrazione, sussidiarietà e coinvolgimento.

Il punto di arrivo è quello di un sistema energetico con basse emissioni di gas climalteranti, integrato, sicuro, affidabile, flessibile, accessibile ed economicamente efficiente, in grado di alimentare l’intera società europea in un’economia di mercato circolare a bilancio nullo di carbonio, e di consolidare la leadership industriale del settore lungo l’intera transizione energetica.

Progetti

Commenti