Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Articolo

La valutazione dei benefici delle espansioni di rete nei sistemi elettrici competitivi

pubblicazioni - Articolo

La valutazione dei benefici delle espansioni di rete nei sistemi elettrici competitivi

L’articolo presenterà inoltre l’applicazione della procedura ad un caso studio su una rete estesa (1000 nodi), che rappresenta il sistema italiano, effettuato allo scopo di quantificare i benefici di un rinforzo di rete in termini di aumento dell’affidabilità del sistema, di riduzione dei costi di produzione e di riduzione della possibilità di esercizio di potere di mercato da parte dei produttori.

competitivi

La competizione e la deregolamentazione nei settori elettrici hanno progressivamente ridotto i margini di sicurezza che permettono di fronteggiare gli eventi eccezionali che caratterizzano i fenomeni di black-out. Questo dipende, fra gli altri motivi, anche da inadeguati investimenti nelle infrastrutture di trasmissione. Infatti, in gran parte dei sistemi dei paesi industrializzati, negli ultimi anni la crescita dei sistemi di trasmissione (in termini di km di linee) è stata molto modesta rispetto a una richiesta di erogazione di nuova potenza in continuo e consistente aumento: ad esempio, in Italia nel periodo 1998-2004, la rete di trasmissione 380 kV si è sviluppata solamente del 2,1% a fronte di una crescita di richiesta di energia elettrica del 16.5%. Si può quindi ritenere che i recenti black-out in Europa e in Nord America rappresentino un segnale di allarme per l’adeguatezza delle infrastrutture elettriche e indichino la necessità di intraprendere un nuovo ciclo di investimenti. Le difficoltà autorizzative spiegano solo in parte l’inerzia nell’intraprendere questo nuovo ciclo di investimenti nella trasmissione. Sembra infatti mancare anche uno schema di valutazione tecnico-economica che evidenzi e valorizzi i reali benefici delle espansioni di rete sull’economia e l’efficienza dei sistemi elettrici competitivi, contribuendo in tal modo a promuovere la realizzazione di nuovi investimenti e, di riflesso, all’evoluzione della tecnologia del settore. Tale schema deve considerare che, come nella precedente organizzazione monopolistica, le espansioni di rete permettono di migliorare l’affidabilità del sistema e di ampliare la disponibilità di fonti di produzione efficienti (effetto di sostituzione di produzione). In ambiente competitivo, le espansioni di rete permettono inoltre di mitigare l’esercizio del potere di mercato da parte dei produttori, con un possibile impatto benefico sui prezzi dell’energia. Questo impatto viene chiamato effetto strategico delle espansioni di rete. La valorizzazione economica dei benefici in termini di affidabilità, effetto sostitutivo ed effetto strategico è pertanto un elemento fondamentale del processo decisionale che precede la realizzazione delle espansioni di rete più rilevanti. Per la valutazione di questi benefici, CESI RICERCA ha sviluppato la procedura di calcolo REMARK, che verrà presentata nell’articolo proposto.

Progetti

Commenti