Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Memoria

Petrograhic quantitative analysis of ASR susceptible Italian aggregates for concrete

pubblicazioni - Memoria

Petrograhic quantitative analysis of ASR susceptible Italian aggregates for concrete

Sono stati esaminati munerosi aggregati italiani soggetti alla reazione alcali-silice (ASR) e provenienti da diverse località del territorio nazionale. Lo studio è stato condotto mediante analisi petrografica quantitativa secondo il metodo di prova RILEM AAR-1, determinando le tipologie e i contenuti delle fasi potenzialmente reattive agli alcali quali selci compatte e porose, calcedonio fibroso, quarzo opalino, quarzo stressato con estinzione ondulata e fasi amorte delle rocce vulcaniche. Tale caratterizzazione è stata integrata con altri metodi analitici quali l’analisi chimica con la spettrofotometria (XRF) e l’analisi mineralogica con la diffrattrometria (XRPD() ai raggi X, accoppiate alle informazioni geologiche dei depositi di aggregato. I risultati ottenuti hanno permesso di valutare la potenziale reattività degli aggregati sulla base della classificazione proposta dal metedo RILEM (Classe I – aggregato con elevata probabilità di essere non reattivo; Classe II – aggregato potenziale reattivo e d’incerta classificazione; Classe III – aggregato con elevata probabilità di essere reattivo). Si è così fornito una panoramica generale della potenziale reattività alcali-silice degli aggregati italiani, con riferimento alle tipologie geologiche presenti sul territorio nazionale.

Petrography quantitative analyses using the RILEM AAR-1 method were performed on a representative number of concrete aggregates from diverse Italian geological settings, in order to determine typologies and contents of potentially alkali-silica reactive phases. The aggregate characterization was completed with XRF and XRPD analyses, coupled with the geological data of each deposit. The results of these analyses allowed to evaluate the potential reactivity of the Italian aggregates investigated, on the basis of the classification proposed by the RILEM method (Class I – very unlikely to be alkali-reactive; Class II – potentially alkali-reactive or alkali-reactivity uncertain; Class III – very likely to be alkali-reactive). Italian reactive aggregates are related to the presence of microcrystalline and cryptocrystalline silica, generally defined as chert or flint, which is present in various sedimentary rocks, mostly carbonates, but also in siliciclastic rocks, and alluvial deposits derived from the erosion of the Alpine and Apennines mountain belts. The strained quartz with undulatory extinction, mainly associated with metamorphic rocks and the amorphous glassy phase of volcanic rocks, are also ASR susceptible, although to a much lesser extent. Local reports attest to widespread case histories of serious ASR damages in concrete mostly along the Adriatic coast.

Progetti

Commenti