Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto RETE “Sviluppo del Sistema e della Rete Elettrica Nazionale” – Attività 2012

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto RETE “Sviluppo del Sistema e della Rete Elettrica Nazionale” – Attività 2012

Studio dell’impatto delle Fonti Rinnovabili Non Programmabili sul Sistema ElettricoNazionale con l’obiettivo di analizzare le principali criticità e trovare possibili risposte: lamaggiore flessibilizzazione del parco di generazione; il miglioramento dei sistemi dicontrollo e protezione per garantire l’esercizio efficiente e in sicurezza della rete e delleinfrastrutture; la pianificazione ed estensione del sistema elettrico in un’otticainternazionale.

Il Sistema Elettrico sta affrontando una fase di profondi e complessi cambiamenti in risposta alle priorità dettate dalle principali direttive della politica energetica europea e nazionale. La spinta di questi potenti driver ambientali, economici e sociali sta facendo evolvere il tradizionale Sistema Elettrico verso un modello caratterizzato dalla generazione distribuita e dalla presenza in rete di ingenti quantità di generazione da fonti rinnovabili non programmabili (FRNP), non dispacciatili. Se da un lato tale modello consente di rispondere in modo adeguato alle attuali necessità del Sistema Elettrico, dall’altro lato genera nuovi problemi, legati ad esempio alle variazioni di carico della rete, causate dalla produzione tipicamente discontinua delle FRNP. In questo contesto di forte trasformazione e sviluppo, il presente progetto ha l’obiettivo di sviluppare studi, strumenti e metodi a supporto della gestione, dell’evoluzione, dello sviluppo e dell’innovazione del Sistema Elettrico per rispondere ai crescenti requisiti di economicità della fornitura, di sicurezza, di affidabilità e sostenibilità ambientale delle reti elettriche. Il filo conduttore delle attività svolte è l’analisi e lo sviluppo di soluzioni che consentano di fronteggiare e prevenire le contingenze e le criticità del Sistema Elettrico, legate soprattutto al crescente sfruttamento delle FRNP, garantendo la sicurezza della rete nella sua configurazione attuale e valutando quali sviluppi potrebbero migliorare eventuali criticità. I temi di sicurezza del Sistema Elettrico interessano anche le infrastrutture idroelettriche e gli impianti nucleari. Gli studi effettuati riguardano lo sviluppo di tecniche diagnostiche e strumenti di simulazione per migliorare la capacità di esercire in modo flessibile gli impianti tradizionali evitando un consumo di vita eccessivo dei componenti più critici; il miglioramento dei sistemi di controllo e protezione per garantire l’esercizio efficiente e in sicurezza della rete e delle infrastrutture mediante l’applicazione di metodi probabilistici basati sull’analisi di rischio; l’individuazione delle situazioni maggiormente critiche che potrebbero dar luogo a contingenze multiple e a disservizi come quello accaduto recentemente in Sicilia; lo studio delle minacce naturali, quali il fenomeno delle nevicate umide e gli eventi idrologici e sismici; l’esercizio di reti ti trasmissione multi-terminali in corrente continua; la pianificazione ed estensione del sistema elettrico in un’ottica internazionale, tenendo conto anche delle esternalità ambientali.

Commenti