Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Validazione della procedura di identificazione di modelli equivalenti di reti di distribuzione attive a partire da misure dello stato della rete

rapporti - Deliverable

Validazione della procedura di identificazione di modelli equivalenti di reti di distribuzione attive a partire da misure dello stato della rete

L’attività integra la ricerca sviluppata nelle annualità precedenti relativamente ai modelli di simulazione semplificati, in grado di rappresentare il comportamento dinamico di una rete attiva di distribuzione o di una sua parte. La metodologia sviluppata nelle precedenti annualità è stata validata con dati sperimentali misurati nella Test Facility di RSE per ricavarne un modello equivalente in funzione delle diverse risorse energetiche collegate.

L’attività integra la ricerca sviluppata nelle annualità precedenti relativamente ai modelli di simulazione semplificati, in grado di rappresentare il comportamento dinamico di una rete attiva di distribuzione o di una sua parte. Modelli equivalenti di questo tipo, in grado di riprodurre lo scambio potenza, attiva e reattiva, di una porzione di rete attiva al punto di connessione ricevendo come ingressi la frequenza e la tensione misurati allo stesso punto, risultano utili per l’analisi e la validazione di strategie di controllo ogni volta in cui parti della rete sono sotto la responsabilità di soggetti diversi e quindi ciascuna parte non ha la conoscenza completa della rete.

La procedura di identificazione di tali modelli equivalenti sviluppata nelle precedenti annualità, ad oggi validata solo in ambiente simulativo, viene applicata a dati provenienti da una rete fisica, la Test Facility di RSE. A tal fine sono state effettuate diverse prove considerando differenti condizioni di esercizio della Test facility e delle macchine connesse. Dai dati così ottenuti è stato stimato il modello equivalente di una porzione della rete. Le condizioni iniziali per la procedura di identificazione del modello equivalente è previsto siano selezionate sulla base della conoscenza della rete oggetto di equivalente e dei componenti ad essa connessi. Dati o previsioni di generazione e carico ed informazioni riguardanti la tipologie la potenza nominale delle macchine connesse alla rete possono essere utilizzate al fine di inizializzare la procedura di identificazione. Nel caso oggetto di studio sono stati utilizzati dei dati noti riguardanti la Test Facility, è inoltre stata valutata la robustezza del modello equivalente rispetto alle condizioni iniziali così fornite.

Il confronto nel punto di connessione della Test Facility con la rete principale tra le potenze scambiate misurate in campo e quelle risultanti dalle simulazioni con il modello equivalente a partire dagli andamenti di frequenza e tensione misurati, mostra una sostanziale buona congruenza.

Per valutare la bontà della procedura di identificazione dei parametri del modello equivalente, sono stati calcolati come indici di merito gli scarti quadratici medi della differenza tra potenza attiva e reattiva misurate e quelle simulate tramite i modelli equivalenti. I risultati ottenuti hanno confermato i livelli di accuratezza registrati nelle analisi simulative svolte nelle annualità precedenti, convalidando la metodologia proposta per l’identificazione di un modello equivalente di rete anche a partire da dati di monitoraggio.

Progetti

Commenti