Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Analisi di profittabilità della partecipazione della domanda al mercato dei servizi nel quadro regolatorio nazionale in evoluzione

rapporti - Deliverable

Analisi di profittabilità della partecipazione della domanda al mercato dei servizi nel quadro regolatorio nazionale in evoluzione

Si analizzano i possibili benefici economici, per l’utente finale, della fornitura di servizi di flessibilità a supporto della sicurezza del sistema elettrico italiano: la fornitura di servizi di bilanciamento mediante partecipazione al Mercato del Bilanciamento (load curtailment da parte di carichi industriali o commerciali, oppure ricarica di auto elettriche) e la partecipazione a forme di autoconsumo collettivo recentemente introdotte a seguito della definizione i “autoconsumatore di energia rinnovabile” come da direttiva RED II.

La crescente diffusione della generazione da Fonte Rinnovabile Non Programmabile (FRNP) comporta maggiori necessità di bilanciamento e regolazione del sistema elettrico, per far fronte alle criticità connesse con l’incertezza e la variabilità delle iniezioni di potenza e con la diminuzione degli impianti regolanti (tipicamente grandi centrali programmabili) in servizio. I carichi, singoli o aggregati, sono tra le potenziali risorse flessibili adatte a fornire servizi ausiliari (demand response).

Nello studio si affrontano tre esempi applicativi riguardo alla fornitura di servizi di flessibilità da parte della domanda. Innanzitutto, si valuta la possibile profittabilità del servizio di bilanciamento a salire (riduzione del prelievo), sul Mercato del Bilanciamento (MB), per alcuni carichi concentrati industriali e commerciali oggetto di precedenti analisi e per i quali si hanno a disposizione dati di prelievo quartorari lungo sei mesi; più precisamente, assumendo, come in precedenza, che la disponibilità a svolgere il servizio, in termini di interruzione del prelievo, sia una sola volta al giorno e con durata massima assegnata, si svolge un’analisi di sensitività dei risultati rispetto alla fascia oraria in cui il carico offre il servizio e rispetto al prezzo di offerta.

In sinergia con il Progetto A.2 “Evoluzione dei sistemi elettrici interconnessi e integrazione dei mercati”, si considera poi la possibile fornitura del servizio di bilanciamento, in generale sia a salire sia a scendere, da parte di risorse flessibili distribuite quali i sistemi di accumulo (batterie) presenti nei veicoli elettrici: si valutano gli effetti di tale servizio sulla bolletta energetica degli utenti, in assenza o presenza di incentivi pubblici sotto forma di sconto parziale degli oneri di rete e di sistema.

Si svolge, infine, uno studio per valutare i possibili benefici economici per l’utente finale derivanti da un consumo di energia definito all’interno di un modello di autoconsumo collettivo in comunità energetiche. In particolare vengono analizzati tre schemi di comunità energetica oggi già adottati in Europa; di questi casi si seleziona quello che si ritiene possa essere implementato fin da subito in Italia, il caso studio relativo a configurazioni condominiali che si differenzia per tipologia d’utenza, taglia di impianto fotovoltaico installato e posizione geografica.

Progetti

Commenti