Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Fabbisogno di climatizzazione invernale ed estiva degli edifici residenziali e del terziario

rapporti - Deliverable

Fabbisogno di climatizzazione invernale ed estiva degli edifici residenziali e del terziario

Il rapporto ha affrontato il tema della climatizzazione degli edifici del settore civile, integrando gli studi precedenti con la caratterizzazione dei fabbisogni di climatizzazione invernale ed estiva nei settori residenziale e non residenziale tramite la modellizzazione di “edifici tipo” rappresentativi. L’attività ha permesso, inoltre, di formulare una metodologia per la valorizzazione della quota di energia da fonte rinnovabile prodotta per il raffrescamento dalle pompe di calore alla luce della nuova Direttiva (EU) 2018/2001 – 11 December 2018 – on the promotion of the energy from renewable sources (recast) (RED II).

Il quadro attuale in materia di efficienza energetica spinge nella direzione della riduzione dei consumi energetici, con particolare attenzione al settore degli edifici. In questo contesto il tema della climatizzazione riveste un ruolo importante ed è stato approfondito da RSE nell’ambito dei precedenti periodi di ricerca attraverso simulazioni energetiche dinamiche su edifici residenziali e valutazione del ruolo dell’utenza negli edifici riqualificati. Questi studi sono risultati utili per correlare gli obiettivi di comfort ai consumi energetici ed agli interventi di riqualificazione degli edifici stessi, in un’ottica di gestione flessibile dei consumi energetici.

Un completamento del lavoro è quello di estendere tale analisi anche alla climatizzazione estiva e agli edifici del terziario. Per questo settore, infatti, in ragione delle molteplici destinazioni d’uso, per il fatto che la presenza umana nei locali si estende in intervalli lunghi e spesso continuativi, il tema del comfort diventa un elemento particolarmente strategico, anche come punto di equilibrio per gli aspetti di “demand-side” e di “supply-side”.

Pertanto, per quanto riguarda l’annualità 2018 le attività di ricerca hanno integrato gli studi precedenti sviluppando una caratterizzazione dei consumi relativi alla climatizzazione invernale ed estiva nel settore residenziale e in quello del terziario. In particolare lo studio ha esteso e approfondito la valutazione dei consumi per il raffrescamento degli edifici residenziali e dei consumi per il riscaldamento e il raffrescamento degli edifici civili non residenziali modellizzando “edifici tipo” rappresentativi dei settori ritenuti più significativi (settore residenziale, commercio non alimentare con piccole/medie dimensioni, commercio non alimentare con grandi dimensioni, commercio alimentare, uffici, alberghi e ristorazione).

L’attività svolta per ottenere i fabbisogni degli edifici ha permesso, inoltre, di formulare una metodologia per la valorizzazione della quota di energia da fonti rinnovabili prodotta per il raffrescamento dalle pompe di calore, con lo scopo di metterne in luce i punti che consentono la piena valorizzazione dell’energia rinnovabile. Questo alla luce della nuova Direttiva (EU) 2018/2001 (RED II) che prevede una metodologia per il calcolo della quota di energia da fonti rinnovabili prodotta per il raffrescamento.

Progetti

Commenti