Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Sviluppo e Gestione delle Reti di Distribuzione” – Attività 2018

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Sviluppo e Gestione delle Reti di Distribuzione” – Attività 2018

Il documento riassume i risultati delle attività di ricerca svolte nel PAR 2018 nell’ambito del progetto “Sviluppo e gestione delle reti di distribuzione”. I risultati comprendono tecniche e dispositivi innovativi che consentono di migliorare la gestione e il controllo delle reti di distribuzione in presenza di generazione distribuita, il monitoraggio della qualità della fornitura, l’applicazione delle tecnologie informatiche e di comunicazione e il supporto alle istituzioni per lo sviluppo delle Smart Grid.

Il progetto “Sviluppo e gestione delle reti di distribuzione” ha avuto come obiettivo lo studio, lo sviluppo e la sperimentazione di metodologie e tecnologie idonee a favorire lo sviluppo delle reti di distribuzione per consentire un’elevata penetrazione della generazione diffusa da fonti rinnovabili e una maggiore integrazione fra i sistemi energetici, garantendo alti livelli di qualità di servizio agli utenti. Il progetto ha preso in considerazione fondamentali aspetti di gestione, controllo e qualità della fornitura del sistema di distribuzione, nuovi modelli di architetture e servizi con l’applicazione di dispositivi di elettronica di potenza, sistemi di accumulo di energia, tecnologie informatiche e di comunicazione e strumenti a supporto delle decisioni di investimento.

Le attività a carattere di studio sono state completate con attività sperimentali, sia in laboratorio sia negli impianti dimostrativi di RSE, che includono una microrete reale di distribuzione in bassa tensione in grado di controllare vari tipi di generatori, carichi e dispositivi di accumulo ad essa collegati.

Il progetto ha affrontato anche aspetti di diffusione delle fonti rinnovabili sul territorio, al fine di una ottimale integrazione grazie alle reti di distribuzione. Tra i risultati si citano lo sviluppo di modelli previsionali di producibilità basati su modellistica meteorologica con integrazione di misure in tempo reale e lo sviluppo di un atlante integrato delle risorse rinnovabili per il sistema energetico nazionale. Il caso particolare delle isole minori italiane, non connesse alla rete di distribuzione nazionale, è stato preso in considerazione per lo studio delle soluzioni più idonee ad una progressiva riduzione dell’impiego di combustibili fossili e un maggiore sfruttamento di fonti rinnovabili, in un’ottica di autosufficienza energetica, a proseguimento delle attività svolte a supporto del Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) e dell’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (ARERA).

Di particolare interesse è risultato l’approfondimento della crescente applicazione delle tecnologie informatiche e di comunicazione al sistema elettrico. In questo ambito sono state sviluppate attività relative ai protocolli standard per garantire l’interoperabilità dei sistemi, la sicurezza informatica e i relativi standard internazionali, che tengono in considerazione l’aumento dei possibili ambiti di attacco legati alla diffusione di impianti e sensori distribuiti.

Su questi temi, è proseguita la collaborazione con la Fondazione Ugo Bordoni per l’esame e lo sviluppo di soluzioni che impiegano vettori di comunicazione avanzati, come il 5G, e la protezione dei dati, considerando scenari di utilizzo delle flessibilità delle risorse energetiche rese disponibili da un numero elevato di piccole utenze.

Infine il progetto ha sviluppato una serie di partecipazioni e collaborazioni alle iniziative di cooperazione sulle Smart Grid in ambito internazionale e nazionale. Tra le numerose iniziative internazionali è stata sviluppata, in qualità di co-leader (insieme ad India e Cina), la “Challenge 1 – Smart Grids” del programma Mission Innovation.

Progetti

Commenti