Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Sicurezza degli Impianti del Sistema Elettrico e interazione con il Territorio” – Attività 2005

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Sicurezza degli Impianti del Sistema Elettrico e interazione con il Territorio” – Attività 2005

Il progetto SISET si configura come un insieme di Sottoprogetti che fanno riferimento alle problematiche di sicurezza associate agli impianti di generazione e trasporto dell’energia elettrica. Le motivazioni alla base del progetto risiedono nella necessità di garantire livelli ottimali di sicurezza di tali impianti nei riguardi di fenomeni eccezionali ambientali (ad esempio, terremoti, piene naturali, frane i cui effetti possono danneggiare le infrastrutture di generazione, trasporto e distribuzione dell’energia elettrica) e di eventi incidentali legati al funzionamento degli impianti stessi (potenziali onde di piena generate dagli invasi negli alvei sottesi per rottura degli sbarramenti o per apertura degli organi di scarico in condizioni di emergenza, incendi ed esplosioni potenzialmente associate a malfunzionamenti degli impianti di generazione o in sottostazioni elettriche, ecc.). Le attività di studio e ricerca applicata condotte nell’ambito del progetto hanno riguardato lo sviluppo di metodologie, apparecchiature, strumenti informatici indirizzati alla: • valutazione della vulnerabilità degli impianti di generazione (idroelettrici e termoelettrici) e del sistema di trasporto dell’energia nei riguardi di eventi naturali eccezionali o estremi (terremoti, fenomeni idrogeologici, azioni terroristiche) ai fini della sicurezza, • valutazione del degrado e della vita residua delle opere (in particolare di quelli civili) ai fini del mantenimento della continuità del servizio erogato, • valutazione della vulnerabilità del territorio a fronte di potenziali eventi incidentali determinati dalla presenza degli impianti sul territorio ospite (onde di piena, incendi, esplosioni). I potenziali soggetti beneficiari del progetto possono essere individuati: • nella Società Civile, ovvero l’insieme dei cittadini utenti del Sistema Elettrico Nazionale, • nelle Pubbliche Amministrazioni e negli Organismi di Controllo e Pianificazione operanti sul territorio, nella Protezione Civile, • nei Gestori/Proprietari degli impianti di generazione e trasporto dell’energia. Fra i risultati ottenuti, quelli ritenuti più significativi sono i seguenti: • sviluppo di programmi di calcolo per lo studio della propagazione di frane e per la valutazione degli effetti prodotti dalla caduta di una frana in un bacino; • sviluppo e validazione di modelli per l’analisi del comportamento strutturale di dighe in calcestruzzo esistenti con riferimenti ai temi dell’analisi limite, della modellazione dei giunti, dell’analisi a collasso delle dighe a speroni fessurate;

• sviluppo della procedura software ASK4ELP e di uno strumento basato su tecnologia Web per l’effettuazione dell’analisi di rischio sismico di sottostazioni elettriche; • validazione di modelli per l’analisi di scenari di rischio di incendio in impianti di generazione elettrica e nelle sottostazioni e cabine elettriche; • linee guida (basate su attività sperimentale e analisi numeriche) per la mitigazione del rischio di esplosioni negli impianti turbogas • sistema di supporto alle decisioni (sistema esperto) per la diagnosi della corrosione delle armature e per l’individuazione della tipologia di intervento più idoneo per il ripristino di strutture civili in calcestruzzo armato degradate di impianti di generazione elettrica; • database GEODIGHE e criterio di classificazione del livello di rischio alcali-aggregati per le dighe murarie applicato a tutte le dighe italiane.

Progetti

Commenti