Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Rapporto finale triennale di sottoprogetto COREINA: sorveglianza della integrità e funzionalità delle linee di trasmissione.

rapporti - Deliverable

Rapporto finale triennale di sottoprogetto COREINA: sorveglianza della integrità e funzionalità delle linee di trasmissione.

Questo documento riassume l’attività svolta nell’ambito della Ricerca di Sistema durante il triennio 2000 – 2003 nel sottoprogetto COREINA (Sorveglianza dell’Integrità e Funzionalità delle Linee Elettriche) inserito nel progetto SISIGEN (Sicurezza del Sistema Elettrico). L’attività ha principalmente riguardato lo studio e la sperimentazione delle tecniche di telerilevamento al fine di valutare un loro possibile utilizzo per la sorveglianza delle reti di trasmissione. In particolare: 1. Si è valutata l’applicabilità delle tecniche di classificazione convenzionali e non convenzionali ad immagini da satellite ad elevata risoluzione spaziale. In questo contesto sono stati studiati sia i metodi tradizionali (basati sulla risposta spettrale della superficie indagata) finalizzati alla valutazione della crescita di vegetazione in prossimità di linee elettriche, sia le procedure di classificazione contestuale non convenzionale basate su tecniche di filtraggio e sull’uso di reti neurali per il riconoscimento automatico di oggetti di interesse (quali tralicci, linee aeree, impianti). Entrambi i metodi sono stati sperimentati utilizzando un’immagine acquisita dal satellite IKONOS relativa ad un’area di 5 x 5 km 2 in località Maccagno sul Lago Maggiore. 2. E’ stata sperimentata una nuova tecnica di interferometria con radar ad apertura sintetica (tecnica dei "permanenti scatterers") per il monitoraggio ad elevata risoluzione (inferiore al millimetro) dei moti del terreno su superfici estese (fino a 100 x 100 km2). In particolare sono state eseguite prove sperimentali su una sequenza di coppie di immagini (fornite dai satelliti ERS-1 e ERS-2) relative alla stessa area e registrate in tempi diversi. Si è inoltre iniziato lo studio di una nuova tecnica di deviazione dei fulmini basata sulla creazione di un canale ionizzato mediante radiazione laser.

Progetti

Commenti