Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Specifica dei servizi che una rete di distribuzione attiva rende disponibile per la rete di trasmissione

rapporti - Deliverable

Specifica dei servizi che una rete di distribuzione attiva rende disponibile per la rete di trasmissione

Il documento analizza criticamente quanto delineato dalle recenti novità che riguardano ilcodice di rete, individua i servizi che possono essere offerti nei confronti della rete ditrasmissione dalla rete attiva come soggetto ‘dispacciatore’ e i corrispondenti servizi che lagenerazione diffusa potrà fornire al Distributore.

Il conseguimento degli obiettivi nazionali di diffusione delle fonti rinnovabili, in combinazione con lestrategie di incentivazione, prefigura una crescita significativa della generazione diffusa, soprattutto dafonte rinnovabile non programmabile, connessa alle reti di distribuzione (reti attive). La quota digenerazione già presente (oltre 16 GW di solo fotovoltaico) comporta possibili criticità per la sicurezzadel sistema elettrico, rendendo necessaria l’introduzione di modalità più evolute di gestione delle retistesse.La delibera 84/2012/R/eel dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas (AEEG) ha confermato l’applicazione dei recenti allegati al Codice di Rete stilati da TERNA, in particolare l’Allegato A.70 cheintroduce prescrizioni per gli impianti di produzione connessi alle reti MT e BT. Di recente, ancheENTSO-E (European Network of Transmission System Operators for Electricity) ha avviato laconsultazione circa i possibili aggiornamenti del codice di rete, in direzione di una crescentepartecipazione della Generazione Distribuita (GD) e di una maggiore integrazione tra funzioni dell’operatore della trasmissione (TSO) e del distributore (DSO). Nello scenario che si va delineando, ilpunto di scambio tra rete di distribuzione e rete di trasmissione, ossia la cabina primaria, riveste un ruolofondamentale per garantire un livello adeguato di sicurezza per l’intero sistema, consentendo anche digestire flussi di potenza (attiva e reattiva) in direzioni differenti dall’usuale. Il presente documento analizza quanto introdotto dalla delibera AEEG 84/2012, allo scopo diindividuare i servizi che possono essere offerti nei confronti della rete di trasmissione dalla rete attivacome soggetto “dispacciatore”, e i corrispondenti servizi che la generazione diffusa potrà fornire al DSO. Tra le principali funzionalità riportate nella delibera, si possono citare:
• monitoraggio della GD, affinchè il TSO possa conoscere, sia in fase predittiva che in tempo reale, ilcomportamento della GD in MT e BT sottesa ad ogni cabina primaria, in termini di potenza attiva ereattiva, differenziata per carico, generazione (per fonte) e totale di cabina, al fine di dimensionare opportunamente la riserva da approvvigionare sul Mercato dei Servizi di Dispacciamento (MSD);
• partecipazione ai piani di difesa, quali teledistacco dei generatori, riduzione selettiva della produzione;
• coordinamento delle protezioni degli utenti attivi tramite l’invio di opportuni segnali per laregolazione delle soglie di intervento (tensione, ecc.). In collaborazione con l’università di Cagliari, si sono inoltre condotti studi volti alla verifica dei rapportitra pianificazione e gestione delle reti attive e si sono individuati potenziali future linee di ricerca inrelazione alla co-simulazione delle reti elettriche e delle reti di comunicazione ad esse funzionalmenteconnesse nell’ambito delle Smart Grid. I dettagli sono riportati nel Deliverable aggiuntivo:13000495, “Rapporti tra pianificazione e gestione delle reti attive di distribuzione. Alcune nuove prospettive per le gestione delle reti attive”. Si è infine conclusa l’analisi, con il Politecnico di Milano, circa il possibile contributo degli algoritmi diri-configurazione della rete di distribuzione MT al fine di massimizzare la capacità di connessione dellagenerazione diffusa e di migliorare la qualità del servizio. Per maggiori dettagli, si veda il Deliverableaggiuntivo:13000494, “Analisi sull’adozione di soluzioni di accumulo nella rete elettrica. Approfondimenticirca gli algoritmi di ottimazione basati sulla configurazione della rete di distribuzione”.

Progetti

Commenti