Cerca nel sito per parola chiave

laboratori - Rete e componenti elettrici

Laboratorio caratterizzazione chimico-fisica e morfologica dei materiali 

laboratori - Rete e componenti elettrici

Laboratorio caratterizzazione chimico-fisica e morfologica dei materiali 

ll laboratorio dispone di apparecchiature per analizzare materiali in diverse forme, come polvere, film sottili e campioni massivi. Queste apparecchiature includono:

 

  • Diffrattometro Bruker Phaser D2: Utilizzato per la caratterizzazione cristallografica dei materiali attraverso la diffrazione dei raggi X con una sorgente al rame. Il laboratorio fornisce anche strumenti per l’identificazione delle fasi cristalline e per determinare i parametri della cella e le percentuali relative delle fasi presenti nei campioni. 
  • Spettrofotometro UV-VIS-NIR: Utilizzato per studiare le proprietà ottiche dei materiali, in particolare film sottili e polveri. Il sistema può misurare l’assorbimento, la trasmissione e la riflettanza sotto varie angolazioni di incidenza. 
  • Apparecchiatura per misure di area superficiale specifica e di chemi-assorbimento: Utilizzata per analizzare la superficie specifica e la capacità di assorbimento chimico dei materiali in polvere. 
  • Sistema di spettroscopia Micro-Raman: Utilizzato per identificare e mappare la distribuzione spaziale delle fasi cristalline presenti nei campioni. Questo sistema è dotato di una cella elettrochimica per condurre misure su materiali attivi per dispositivi di accumulo, come batterie a ioni di sodio o litio. È anche interfacciabile con una cella per misure di calorimetria differenziale a scansione (DSC) per studiare le variazioni di fase dei campioni in un intervallo di temperatura da -190°C a +600°C. 
  • Microscopio elettronico a scansione con sorgente a filamento caldo: Utilizzato per l’analisi morfologica dei campioni con un ingrandimento fino a circa 100.000 volte. Questo strumento consente anche l’analisi composizionale mediante spettroscopia di raggi X a dispersione di energia (EDX), con un errore di circa ±1-2% nella determinazione degli elementi presenti nei campioni.