Cerca nel sito per parola chiave

pubblicazioni - Articolo

Nuovi sviluppi della legislazione europea e della normativa tecnica di compatibilita’ elettromagnetica per sistemi elettrici ed elettronici

pubblicazioni - Articolo

Nuovi sviluppi della legislazione europea e della normativa tecnica di compatibilita’ elettromagnetica per sistemi elettrici ed elettronici

L’innovazione e lo sviluppo tecnologico si riflettono negli argomenti in discussione in ambito normativo nel campo della compatibilità elettromagnetica che, per sua natura, si rivolge a tutti i settori produttivi dell’industria elettrica ed elettronica coprendo uno spettro di frequenze e di ampiezze molto ampio.

In tale contesto si inquadrano, oltre alla revisione della classificazione delle famiglie di prodotto per l’emissione in alta frequenza (radiodisturbi), gli studi sulla messa a punto di prove di emissione ed immunità irradiata a frequenze superiori al GHz ed il completamento delle procedure di immunità quali, per esempio, quelle relative agli impulsi molto ripidi ad alta energia. Il contesto economico attuale richiede, peraltro, che le prescrizioni di compatibilità elettromagnetica siano sempre più sensibili agli oneri derivanti dalla loro applicazione. A tale riguardo la proposta di revisione della Direttiva Europea EMC 89/336/EC, giunta ormai prossima all’approvazione da parte del Parlamento Europeo, sembra recepire tale esigenza semplificandone l’applicazione. L’esigenza, sempre più avvertita, di razionalizzare le procedure di prova ed i relativi livelli e di ridurre gli alti costi delle prove stesse ha ridato impulso alle indagini volte a valutare i siti alternativi alle camere semi e completamente anecoiche (celle TEM, camere di ridotte dimensioni, camere riverberanti), mentre è in atto un processo di affinamento delle tecniche di misura (p.es. la valutazione dell’influenza dell’uniformità di campo irradiato sull’immunità degli apparati) e l’introduzione di criteri statistici di interpretazione dei risultati. Per quanto concerne il mercato elettrico, oltre alle vivaci discussioni in merito ai limiti di emissione armonica per alcune tipologie di prodotti (tipicamente ITE, audio e TV), che vedono tuttora schierati su fronti opposti costruttori e distributori di energia elettrica, è in corso l’estensione dei limiti anche a correnti superiori a 16 A, mentre è ormai in via di definizione la metodologia per la misura della qualità della tensione. Tutto ciò premesso, l’articolo si propone di analizzare in dettaglio le tematiche sopraccitate dando una panoramica, anche se non esaustiva, dell’attività normativa in attuale svolgimento nell’ambito della compatibilità elettromagnetica.

Progetti

Commenti