Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Trasmissione e Distribuzione in Corrente Continua” – Attività 2015

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Trasmissione e Distribuzione in Corrente Continua” – Attività 2015

Il documento presenta la sintesi dei risultati conseguiti nelle ricerche relative alle reti di distribuzione e trasmissione in corrente continua. I risultati delle attività, svolte mediante analisi e simulazioni digitali, riguardano sia lo studio dell’integrazione di tali reti nelle reti tradizionali in corrente alternata sia la valutazione dell’evoluzione tecnologica e delle logiche di controllo dei componenti costitutivi dei collegamenti HVDC.

La diffusione delle fonti rinnovabili e la necessità di una gestione semplificata dei flussi di potenza tra generatori distribuiti, carichi e sistemi di accumulo, che sono di fatto interfacciati con le reti in c.a. attraverso convertitori c.c./c.a, sta rendendo sempre più conveniente l’integrazione di reti in corrente continua con reti in corrente alternata. E l’obiettivo generale del progetto è proprio la valutazione, mediante studi, simulazioni e sperimentazione, delle opportunità offerte dall’inserimento nelle reti di distribuzione e trasmissione di collegamenti o reti in corrente continua. Il progetto analizza sia la prospettiva di sistema, sia l’evoluzione “tecnologica” dei dispositivi elettronici di conversione e di interruzione applicabili.

Per le reti di distribuzione in corrente continua si sono valutate l’integrazione di porzioni di rete c.c. (anche multiterminali) per caratterizzarne il comportamento, mediante simulazioni digitali, in condizioni di guasto nella rete sia c.a. sia c.c.. L’obiettivo è quello di definire le logiche di controllo per la gestione del sistema, la protezione della rete e il coordinamento al fine di individuare e isolare il tronco guasto. Per le reti BT si sono studiate, sviluppate ed è stata avviata la sperimentazione delle funzioni di controllo per la microreti in c.c. di RSE in presenza di impianti a fonte rinnovabile e sistemi di accumulo. Inoltre si è sviluppato un nuovo componente di interruzione per reti c.c. in bassa tensione, ibrido, con ridotte perdite e dimensioni e con rapidità d’intervento.

Mentre per le reti di trasmissione si è avviata la valutazione delle evoluzioni tecnologiche dei dispositivi impiegati nelle reti di trasmissione in c.c., tra i quali le stazioni di conversione, gli isolatori e le linee elettriche HVDC. In particolare è stato messo a punto, con il programma 3D MORGANA, il modello di linee aeree per HVDC per lo studio dell’effetto corona e delle correnti ioniche. Inoltre è stata definita la procedura di prova per caratterizzare il comportamento degli isolatori su una configurazione di prova che riproduca in scala reale la soluzione adottata per il nuovo collegamento SACOI (Collegamento SArdegna-COrsica- Italia). Infine, mediante simulazioni digitali, si sono definite alcune delle funzioni di controllo di sistemi VSC – HVDC multiterminali per garantire la stabilità di esercizio del sistema complessivo c.a./c.c. al fine di quantificarne i benefici sia per applicazioni quali il SACOI sia per installazioni offshore.

Progetti

Commenti