Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Analisi e scenari elettrici, energetici, ambientali” – Attività 2015

rapporti - Rapporto di Sintesi

Progetto “Analisi e scenari elettrici, energetici, ambientali” – Attività 2015

Studi sugli scenari energetici nazionali per fornire le prime valutazioni sui nuovi obiettivi europei del pacchetto Clima Energia 2030 e analisi delle interazioni tra ambiente e sistema elettrico-energetico nazionale: cambiamenti climatici e rischio incendi, monitoraggio delle concentrazioni atmosferiche di CO2, nesso tra sistema elettrico e sistemi idrici evalorizzazione del valore strategico delle rinnovabili per lo sviluppo del territorio.

Il Progetto “Analisi e scenari elettrici, energetici, ambientali” dell’Area “Governo, gestione e sviluppo del sistema elettrico nazionale interconnesso e integrazione dei mercati”, si occupa dello sviluppo e dell’analisi di scenari di evoluzione dei sistemi elettrico ed energetico nazionali e delle interazioni tra il sistema energetico e l’ambiente.

Gli studi sugli scenari energetici nazionali hanno l’obiettivo principale di dare prime valutazioni sui nuovi obiettivi del pacchetto Clima Energia 2030 per l’Europa e di fornire supporto tecnico-scientifico al governo, anche in relazione al dibattito presso la Commissione Europea e agli impegni previsti per il nostro Paese nel contesto dell’Unione Europea. Per questa attività si è fatto ricorso all’utilizzo del modello energetico nazionale MONET, sviluppato nelle attività di Ricerca di Sistema dei precedenti periodi, coordinandolo con le attività collaborative impostate dall’Amministrazione.

Nel documento si riportano i risultati di uno scenario di Riferimento (ossia a politica energetica attuale) del sistema energetico italiano fino al 2050 con focus sul 2030. I risultati mostrano come, in assenza di un’ulteriore sforzo in termini di regole e investimenti rispetto a quanto già previsto per il raggiungimento degli obiettivi al 2020, gli aumenti di efficienza energetica dovuti al miglioramento delle tecnologie e al continuo sviluppo delle fonti rinnovabili non siano in grado di determinare una adeguata riduzione delle emissioni energetiche di CO2 successivamente al 2020.

L’aggiornamento e lo sviluppo del modello MONET, l’analisi delle voci di costo che compongono la bolletta elettrica e la previsione della domanda elettrica, svolta con una metodologia specifica sono alcune delle attività elementari che hanno concorso allo sviluppo della parte dedicata agli scenari energetici.

Per le interazioni tra scenari energetici e ambiente le indagini sugli effetti delle variazioni climatiche sono state estese al rischio d’incendi in Italia, analizzando scenari climatici dedotti da modelli ad alta risoluzione dei data-sets ENSEMBLES e Med-CORDEX e calcolando il cosiddetto Fire Weather Index. I risultati indicano per le prossime decadi un aumento di condizioni meteo estive favorevoli all’innesco d’incendi, con seri rischi per le infrastrutture del settore elettrico.

È proseguito il monitoraggio delle concentrazioni atmosferiche di CO2 e di altri gas serra (CH4 e O3) presso la stazione di monitoraggio del Plateau Rosa, laboratorio operativo da oltre 25 anni. La stazione, che fa parte della rete di monitoraggio internazionale del Global Atmosphere Watch e contribuisce alla raccolta di dati di qualità della banca mondiale World Data Centre for Greenhouse Gases, ha rilevato nel 2015 il superamento della soglia di livello medio annuo di concentrazione di fondo di CO2 di 400 ppm.

Infine si riportano i primi risultati relativi alle tematiche di interazione con le risorse idriche e con gli aspetti sociali dello sviluppo delle fonti rinnovabili. I risultati comprendono valutazioni sulle esigenze di utilizzo dell’acqua da parte del sistema elettrico, stima dei consumi elettrici degli acquedotti e le potenzialità delle rinnovabili come vettore di crescita sociale ed economica per le popolazioni locali definendo criteri insediativi sostenibili per l’integrità del patrimonio territoriale dei luoghi.

Progetti

Commenti