Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Analisi dello stato attuale e di possibili evoluzioni del mercato del dispacciamento

rapporti - Deliverable

Analisi dello stato attuale e di possibili evoluzioni del mercato del dispacciamento

Nel rapporto sono descritti gli studi e le analisi di scenario per valutare l’impatto sul sistema elettrico,nel medio-lungo termine (2030), dello sviluppo delle FRNP sul dispacciamento. Sono indagate le principali criticità attese e sono indicate le contromisure. È altresì effettuata una analisi quantitativa dell’impatto di alcune contromisure su MSD ex ante attraverso l’utilizzo di simulatori di MGP e diMSD.

Il rapporto affronta alcuni approfondimenti delle analisi sul sistema energetico nazionale effettuate nel precedente anno per valutare l’impatto degli obiettivi europei clima ed energia al 2030 sul sistema italiano. Sono analizzati gli effetti sul mercato dei servizi (mercato MSD ex ante) delle criticità introdotte dall’elevata penetrazione di FRNP e della partecipazione alla fornitura dei servizi di dispacciamento da parte di risorse finora non sfruttate od utilizzate solo parzialmente. L’analisi vuole cogliere, in tal senso, un punto di vista più vicino a quello degli stakeholder (operatori di mercato e consumatore finale) e non più solo quello del “pianificatore”.

L’analisi è stata condotta su 4 possibili scenari di evoluzione futura al 2030 del sistema elettrico, tutti coerenti con la vision indicata nella Strategia Energetica Nazionale (SEN 2017). Riguardo all’apertura a nuove risorse per la partecipazione ai servizi di dispacciamento si è ipotizzata una disponibilità da parte delle FRNP, degli accumuli, della generazione distribuita e della domanda ad offrire riserva di potenza sul mercato dei servizi. L’ipotesi di partecipazione al mercato dei servizi di nuove risorse è coerente con le indicazioni del nuovo codice di rete europeo (es. ENTSO-E Grid Code on Electricity Balancing) e con gli orientamenti indicati dall’Autorità per una futura revisione della disciplina del servizio di dispacciamento (attuazione della FASE I ai sensi della deliberazione n. 300/2017, prossima definizione del nuovo Testo Integrato Dispacciamento Elettrico – TIDE).

Occorre osservare che, stante per le FRNP un costo variabile quasi nullo, un’ipotesi di partecipazione al mercato dei servizi deve tener conto anche di una adeguata remunerazione per la riduzione della produzione. Nell’analisi si è ipotizzata quindi la possibilità per le FRNP di far leva sui prezzi a scendere negativi.

Ogni scenario è stato simulato ricorrendo a strumenti di simulazione sviluppati da RSE in precedenti attività RdS: il simulatore di medio termine del mercato del giorno prima (Stochastic Mid Term SIMulator – sMTSIM) e il simulatore del MSD ex ante (Residual Unit Commitment – RUC). Nello specifico, è stata simulata la compravendita dei servizi su MSD ex ante per la sola parte relativa alle movimentazioni necessarie a predisporre sufficienti margini di riserva secondaria e terziaria (comprese eventuali accensioni di impianti). Pertanto la stima dei costi dei servizi offerti rappresenta solo una frazione dei reali costi che si potrebbero ottenere in un sistema reale. Tuttavia, le quantità così calcolate sono significative e forniscono utili informazioni sull’allocazione zonale delle risorse.

Con la partecipazione al 2030 delle FRNP e degli accumuli alla fornitura dei servizi di riserva si è ottenuta una riduzione dell’ammontare di overgeneration fino all’80%. In termini di movimentazioni per la predisposizione della riserva, l’intervento delle FRNP permette di ottenere una riduzione di circa il 50% che arriva fino all’80% con l’ulteriore introduzione degli accumuli.

Progetti

Commenti