Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Stato dell’arte dell’impatto generato dall’aumento delle concentrazioni dei gas serra sul comparto energetico nazionale

rapporti - Deliverable

Stato dell’arte dell’impatto generato dall’aumento delle concentrazioni dei gas serra sul comparto energetico nazionale

La stima dell’andamento delle emissioni e l’osservazione della concentrazione in atmosfera dei gas serra sono di estrema importanza al fine di quantificare quanto le politiche energetiche intraprese a livellonazionale e globale siano efficaci nel contrastare i cambiamenti climatici. Lo scopo del rapporto consiste nell’evidenziare la stretta connessione esistente tra la concentrazione dei gas serra in atmosfera e icambiamenti climatici che sempre più influenzano il sistema energetico.

Il clima globale sta cambiando comportando rischi sempre maggiori per gli ecosistemi, la salute umana e l’economia. L’Agenzia Europea per l’Ambiente, in un suo recente rapporto, sostiene che anche le regioni europee sono già soggette agli impatti dei cambiamenti climatici, tra cui si includono l’innalzamento del livello del mare, gli eventi meteorologici estremi quali le inondazioni, i periodi di siccità, le ondate di calore nei mesi estivi e i temporali di forte intensità.

La causa di questi cambiamenti è dovuta prevalentemente alle grandi quantità di gas serra che sono rilasciate nell’atmosfera in conseguenza delle attività antropiche svolte a livello planetario. Tra le più importanti, indubbiamente, la combustione di combustibili fossili per la produzione di energia elettrica, per il riscaldamento e il condizionamento, il trasporto e l’industria.

A livello mondiale l’energia prodotta dai combustibili fossili rappresenta la principale fonte di emissioni di gas serra poiché circa due terzi delle emissioni sono connesse ad essa. Anche in Europa i processi ascrivibili al comparto energetico rappresentano la fonte principale delle emissioni di gas climalteranti attestandosi al 78% delle emissioni totali dell’UE nel 2015. La stima delle emissioni nazionali provenienti dal settore energetico è invece leggermente superiore ponendosi a circa l’80%.

Il consumo e la produzione di energia hanno quindi un impatto enorme sul clima e viceversa: i cambiamenti climatici possono infatti alterare il ciclo produttivo di energia e il fabbisogno energetico di ciascun Paese oltre a danneggiare le reti di trasmissione e distribuzione dell’energia a causa dell’aumento degli eventi meteorologici estremi. Per esempio: il cambiamento del regime delle precipitazioni influirà sulla produzione delle centrali idroelettriche e in estate le temperature più elevate indurranno un aumento della domanda energetica per il condizionamento, mentre in inverno la domanda energetica per il riscaldamento si ridurrà.

È quindi importante tenere sotto attenta osservazione l’andamento delle emissioni dei gas serra e valutarne la concentrazione in atmosfera per quantificare quanto le politiche energetiche intraprese a livello nazionale e globale siano efficaci nel contrastare i cambiamenti climatici. Lo scopo del rapporto consiste quindi nell’evidenziare la stretta relazione esistente tra la concentrazione dei gas serra in atmosfera e i cambiamenti climatici che sempre più influenzano il sistema energetico.

Progetti

Commenti