Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Analisi geologiche finalizzate alla stima del potenziale geotermico a bassa entalpia in Italia

rapporti - Deliverable

Analisi geologiche finalizzate alla stima del potenziale geotermico a bassa entalpia in Italia

Il rapporto sintetizza i principali risultati ottenuti nell’ambito delle attività di definizione della zonazione geotermica a bassa entalpia del territorio italiano, ovvero una mappatura a livello nazionale che identifichi le aree potenzialmente più performanti in termini di caratteristiche geologiche sito-specifiche, per applicazioni geotermiche che prevedano l’impiego di sonde a circuito chiuso abbinate a Pompe di Calore geotermiche.

La predisposizione geotermica del territorio italiano è nota in tutto il mondo. Il Paese ha una tradizione geotermica lunga più di un secolo. Negli anni, l’impiego di questa risorsa per la produzione elettrica, termica e per gli usi diretti del calore, ha assunto un ruolo importantissimo dal punto di vista ambientale, economico e sociale.
L’obiettivo della presente attività consiste nella definizione della zonazione geotermica a bassa entalpia del territorio italiano, per applicazioni geotermiche che prevedano l’impiego di sonde a circuito chiuso abbinate a Pompe di Calore geotermiche.

 

Dopo una breve disamina delle attività pregresse di RSE nel settore della geotermia e un inquadramento della tecnologia, l’attività di ricerca condotta nel 2022 ha previsto una dettagliata raccolta dei dati e delle informazioni geologiche e termiche presenti a livello nazionale e a livello regionale. Sono state quindi analizzate, dal punto di vista geologico e termico, 12 regioni italiane per verificare la presenza di informazioni utili agli scopi della ricerca.

 

È stata, inoltre, messa a punto la metodologia per la realizzazione delle analisi geologiche e termiche finalizzate alla caratterizzazione geotermica dei territori e alla realizzazione della zonazione geotermica a bassa entalpia. È stata individuata un’area di studio, la Pianura Padana, per l’applicazione della metodologia di analisi. In quest’area sono stati analizzati database di pozzi e cartografie geologiche per poter definire, nelle successive annualità, mappe di idoneità allo scambio termico del sottosuolo mediante l’utilizzo di sonde geotermiche a circuito chiuso. In prospettiva, l’obiettivo finale è quello di replicare tale metodo a diverse aree italiane, per poter via via mappare il potenziale geotermico a bassa entalpia del territorio italiano.

 

Si riportano, infine, i principali risultati delle attività svolte a supporto delle istituzioni per la definizione di un testo normativo univoco a livello nazionale per l’utilizzo della geotermia a bassa entalpia per la produzione di energia termica. L’attività si è conclusa con l’approvazione del DM Geoscambio da parte del Ministero della Transizione Ecologica il 30 settembre 2022.

Progetti

Commenti