Cerca nel sito per parola chiave

rapporti - Deliverable

Analisi multi-scenario per la stima degli impatti del cambiamento climatico sulla producibilità da fonti rinnovabili in Italia

rapporti - Deliverable

Analisi multi-scenario per la stima degli impatti del cambiamento climatico sulla producibilità da fonti rinnovabili in Italia

In questo lavoro è stato analizzato l’impatto dei cambiamenti climatici sulla risorsa fotovoltaica e idroelettrica. Relativamente alla risorsa fotovoltaica si sono aggiornati gli scenari elaborati nell’anno 2020 attraverso i modelli climatici Euro-CORDEX con un’analisi di tutti e tre gli scenari emissivi RCP, con un orizzonte temporale fino al 2100. Per la risorsa idroelettrica è stato generato uno scenario di ruscellamento per ciascuno dei tre principali scenari emissivi sulla base di un singolo modello climatico.

In questo lavoro è stato analizzato l’impatto dei cambiamenti climatici su due delle più diffuse fonti rinnovabili presenti sul territorio nazionale, la risorsa fotovoltaica e quella idroelettrica. Relativamente alla risorsa fotovoltaica, sono stati aggiornati gli scenari elaborati nell’anno 2020 attraverso i modelli climatici Euro-CORDEX con un’analisi di tutti e tre gli scenari emissivi (Representative Concentration Pathways – RCP) con un orizzonte temporale fino al 2100. È stata utilizzata una nuova metodologia per la bias correction e si è fatto ricorso alla nuova rianalisi meteorologica MERIDA-HRES, più performante nella stima della radiazione solare rispetto alla precedente utilizzata, MERIDA.

 

Per la risorsa idroelettrica è stato generato uno scenario di ruscellamento per ciascuno dei tre principali RCP, considerando, al momento, un solo modello climatico regionale. Tale variabile costituisce la forzante principale ad un modello data-driven che, sviluppato nel precedente triennio ed aggiornato in questo lavoro, prevede la producibilità idroelettrica mensile in risposta alla disponibilità di risorsa.

 

Relativamente alla producibilità fotovoltaica, lo studio evidenzia un aumento di producibilità rispetto al periodo di riferimento 1990-2010, seppur di pochi punti percentuali e con una certa variabilità a seconda delle aree di mercato, dello scenario e della stagione, con valori medi che non superano il 5%. Tali aumenti caratterizzano in particolare il periodo estivo e parte di quello autunnale sul nord Italia, stagioni in cui si concentra la maggior produzione. L’effetto negativo dell’elevata temperatura sul rendimento dei pannelli si osserva soprattutto per lo scenario RCP 8.5 e a livello estivo. A tal proposito, alcune regioni del centro sud e le isole maggiori sperimentano un lieve calo di producibilità verso la fine del secolo seppur con in presenza di un aumento della radiazione solare.

 

Per quanto riguarda la risorsa idrica, l’analisi dei risultati in termini di ruscellamento ha evidenziato gli impatti significativi del cambiamento climatico sulla sua disponibilità. Tra i tre scenari analizzati, infatti, l’RCP2.6 è il solo caratterizzato da un aumento delle portate a lungo termine in tutte le aree di mercato elettrico, mentre si registrano diminuzioni anche superiori al 30% per l’RCP8.5. Inoltre, in tale scenario si verifica una profonda alterazione del regime idrologico, con un aumento della disponibilità idrica invernale a scapito di quella estiva, che nel Nord Italia raggiunge il minimo attorno alla fine del secolo, attestandosi a valori di circa il 50% di quelli attuali.

Progetti

Commenti